histats.com - statistiche web
Monthly Archives

Gennaio 2017

CERTIFICAZIONE UNICA 2017

By | Normativa | No Comments

Alleghiamo l’immagine e le note ministeriale per la compilazione del modello CU/2017 .

Con Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 16/01/2017 sono stati approvati Istruzioni e Modelli della Certificazione Unica Ordinario e Sintetico (compresa Scheda per la destinazione dell’8/5/2 per mille) e Specifiche tecniche della Comunicazione Unica 2017.

I termini di trasmissione telematica/consegna della CU sono:

  • CU Ordinaria: trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate entro il 07/03/2017.
  • CU Sintetica: modello da consegnare al percipiente entro il 31/03/2017. Contiene un sottoinsieme dei dati della CU ordinaria.

L’insieme delle informazioni richieste nella CU Ordinaria e le modalità per la loro trasmissione restano funzionali alla predisposizione al contribuente del 730 precompilato.

Come per la CU 2016, di seguito alcuni principi generali:

  • Frazionamento flusso telematico: sarà possibile suddividere il flusso inviando le certificazioni dati lavoro dipendente separatamente dalle certificazioni dati lavoro autonomo, ad esempio perché predisposte da intermediari diversi.
  • Quadro CT: interessa i sostituti nati nel 2016 che non hanno mai presentato la “Comunicazione ricezione telematica 730/4” (flusso CSO): va compilato anche in caso di flusso delle CU contenente solo Certificazioni di lavoro autonomo e soli dati INAIL nelle Certificazioni di lavoro dipendente.
  • Per le variazione dei dati di anni precedenti (con quadro CT o flusso CSO) si deve predisporre il flusso telematico della “Comunicazione ricezione telematica 730-4”.
  • Lavoro dipendente – Riassunzioni: in presenza di più CU legittimamente rilasciate per il medesimo periodo d’imposta allo stesso percipiente da parte dello stesso sostituto, quest’ultimo deve conguagliare nell’ultima CU rilasciata tutti i redditi riferiti ai precedenti rapporti di lavoro. Occorre fornire distinta indicazione dei dati relativi alle indennità di fine rapporto utilizzando più volte il quadro dedicato.
  • Lavoro dipendente – Defunto/Erede: devono essere trasmesse più CU in caso di erogazione all’erede di somme di spettanza del defunto e di somme spettanti all’erede in qualità di lavoratore, dato il diverso regime di tassazione fiscale.
  • Lavoro dipendente – Operazioni societarie straordinarie: le logiche di compilazione sono rimaste inalterate rispetto alla CU 2016.

 

 

CASELLE EMAIL, TUTTO REGOLARE. NON CAMBIA NIENTE

By | Software | No Comments

Il Consiglio Nazionale fa chiarezza su alcune imprecise notizie apparse in rete e che hanno creato inutili allarmismi.
Tutti i Consulenti del Lavoro stanno ricevendo una comunicazione da parte di Namirial, Sicurezza Postale, circa il cambio del gestore della propria casella PEC Istituzionale. A seguito di detta comunicazione NULLA CAMBIA PER IL CONSULENTE DEL LAVORO nel cambio di gestione che avverrà nel prossimo mese di maggio. Infatti l’indirizzo PEC Istituzionale @consulentidellavoropec.it, a partire dal 12 maggio 2017, non sarà più attivo sui server di Namirial -Sicurezza Postale- ma verrà automaticamente generato sui server di InfoCert spa, nuovo gestore del servizio PEC del dominio Istituzionale. Tale operazione non comporterà per il CDL alcun costo aggiuntivo da dover sostenere; altri messaggi che danno queste indicazioni sono da considerarsi inattendibili in quanto non provenienti dal CNO. Dunque, il giorno 12 maggio, a partire dalle 11:00, la casella PEC Istituzionale con Namirial smetterà di funzionare e, poche ore dopo, verrà rigenerata automaticamente su InfoCert. L’unica azione che il Consulente del Lavoro dovrà effettuare è quella dell’aggiornamento dei parametri di configurazione, in caso avesse sincronizzata la casella Pec sul pc o su dispositivo mobile. Ad ogni modo verrà inviata dal Consiglio Nazionale, e da InfoCert, una guida dettagliata per procedere alla riconfigurazione della casella PEC sui pc. Ad oggi Namirial NON DISATTIVERÀ alcun indirizzo di Posta Certificata, se non per naturale scadenza dello stesso. Unico accorgimento consigliabile è di scaricare l’archivio di posta certificata, presente in web mail, su un gestore di posta elettronica. (Fonte www.consulentidellavoro.it)